La buona scuola - percorsi di alternanza scuola lavoro - i risultati del progetto IMO

mercoledì 28 ottobre 2015 ore 14.30
Unindustria Bologna - Via San Domenico, 4


Il rafforzamento dell'alternanza scuola-lavoro impostato dalla legge "La Buona Scuola" pone di fronte a sfide da affrontare, ma anche notevoli opportunità.
Una delle esperienze maggiormente virtuose di alternanza scuola-lavoro è stato il Progetto IMO - Industria Meccanica per l'Occupabilità, promosso da Federmeccanica e Federmanager e finanziato da Fondirigenti. Il progetto, che ha appena concluso le attività previste, è stato realizzato in 10 città italiane e ha visto la partecipazione di 71 aziende, 34 scuole, più di 600 studenti e oltre 240 tutor.
Il seminario vuole diffondere il metodo e i risultati di questa esperienza qualitativa che sarà la base di Traineeship, progetto nazionale promosso da Federmeccanica e MIUR, nonché prima applicazione pratica della riforma "La Buona Scuola" e che vede coinvolta l'Associazione insieme all'Istituto Aldini Valeriani.

PROGRAMMA

Ore 14.30 - Saluto
Tiziana Ferrari, Direttore Generale Unindustria Bologna
Eliana Grossi, Presidente Federmanager Bologna

Ore 14.40 - Introduzione ai lavori
Stefano Franchi, Direttore Generale Federmeccanica

Ore 15.00 - La Buona Scuola - Progetto IMO: il modello di alternanza
Umberto Vairetti, Coordinatore scientifico del progetto

Ore 15.30 - La valutazione dei risultati
Alberto Vergani, Valutatore dei risultati

Ore 16.00 - Le sfide della riforma: testimonianze dal Progetto IMO
Silvia Bucciarelli, El.En S.p.A.
Giacomo D'Agostino, Dirigente Scolastico Istituto Da Vinci, Firenze
Pierluigi Brunetti, Tutor Scolastico Istituto Da Vinci, Firenze
Alessandro Giordano, Alessandro Rialti, Marco Sarti, Studenti

Ore 16.30 - Conclusioni
Mario Cardoni, Direttore Generale Federmanager

Modera: Claudio Tucci (Il Sole 24 Ore)

Si prega di dare cortese conferma di partecipazione al convegno dal link a fondo pagina oppure mediante e-mail  a sindacale@unindustria.bo.it.

Libero accesso in streaming.